Creiamo insieme il tuo domani

La Ricerca: “Short Term vs Long Term: risorse e competenze per la strategia di sviluppo digitale”

Per adeguare continuamente l’offerta formativa alle esigenze del mercato del lavoro abbiamo condotto un’indagine tra le nostre aziende partner, con l’obiettivo di capire quali sono le competenze digitali più richieste oggi dalle imprese.

La ricerca “Short Term vs Long Term: risorse e competenze per la strategia di sviluppo digitale” ha coinvolto 50 aziende, che rappresentano i vari settori merceologici, e ha un approfondimento più qualitativo svolto attraverso il confronto con 5 manager.

I risultati, nonostante il mercato del lavoro sembri essere in stand-by, si sono rivelati non solo molto interessanti, ma anche estremamente positivi.

LE AZIENDE CONTINUANO AD ASSUMERE PROFILI JUNIOR CON COMPETENZE DIGITALI

La grande sete di profili digitali è confermata dal fatto che la maggior parte delle aziende (54,2%) è intenzionata a fare nuovi inserimenti di figure con competenze digitali nel 2021. In alcuni casi (6%di aziende) anche con un inserimento fino a 5 nuove risorse.

figure professionali richieste digital

DATA ANALYST E DIGITAL MARKETING ANALYST I PROFILI PIÙ RICHIESTI

Saper raccogliere e leggere i dati – sempre di più e sempre più complessi – e trasformarli in analisi che saranno poi alla base di scelte strategiche aziendali è una competenza sempre più richiesta e apprezzata oggi dal mondo del lavoro. Alla quale si affianca la capacità di saper guidare un progetto (project manager) e quella di saper digitalizzare i canali tradizionali di vendita (E-Commerce Manager).

PROFILI DIGITAL ANCHE NEI SETTORI PIÙ TRADIZIONALI, COME ALIMENTARE ED ENERGETICO

Il settore alimentari, dove la pandemia ha rivoluzionato i canali di vendita – e in parte anche i gusti dei clienti – è “affamato” di Digital Marketing Analyst, quello energetico invece è alla ricerca di analisti dati mentre nei prodotti industriali le figure più ricercate sono non solo l’analista dati ma anche il Performance & Sales Growth Specialist, il Web Analyst e l’HR collegato all’education business.

L’ESPLOSIONE DELL’E-COMMERCE E DEL DIGITAL MARKETING TRAINERANNO LE NUOVE ASSUNZIONI

L’area dell’e-commerce è quella che maggiormente necessita di nuovi talenti digitali. A causa della pandemia, infatti, come ha rilevato una recente indagine Ipsos “lo shopping online è stato adottato da ben 3 italiani su 4, rientrando in breve tempo fra le nuove e più frequenti abitudini della quotidianità del lockdown”. Un trend di medio -lungo periodo se è vero che – in base alla stessa ricerca – più di un terzo degli italiani (37%) ha intenzione di acquistare online addirittura di più nei prossimi 6 – 12 mesi.  Per intercettare nuovi clienti, che non sono più quelli tradizionali con i quali si entra in contatto diretto dentro il negozio o la filiale, è fondamentale saper strutturare campagne di marketing e pubblicità efficaci ed è in quest’area che c’è maggior bisogno di nuove figure in maniera trasversale un po’ in tutti i settori, compreso quello alimentare e della salute e benessere.

UN MIX DI HARD E SOFT SKILLS QUELLO PIÙ APPREZZATO

I tool più utili e ricercati nei nuovi profili inseriti sono in base alla nostra ricerca un mix tra quelli che consentono l’analisi e lo studio delle performance delle campagne messe in atto (Excel, Google Analytics e Data Studio) e quelli che permettono di fare advertising online (Facebook Ads, Google Ads, LinkedIn). C’è anche una richiesta di nuovi tool (Sketch e Invision), dovuta probabilmente alla necessità di creare mockup e materiale a supporto delle campagne di marketing. Scontata ormai la padronanza dell’inglese ad un livello avanzato o intermedio.

Leggi la Ricerca

Rassegna Stampa